Appello contro l’abrogazione della legge regionale 43/1990

Appello all’Assemblea legislativa della Regione Marche

No all’abrogazione della legge regionale di tutela del patrimonio storico della Fondazione Romolo Murri di Urbino e Centro Studi di Gualdo.

Il Consiglio regionale delle Marche nell’aprile 2017 ha abrogato la legge 43/1990 che tutelava gli archivi, la preziosa biblioteca e emeroteca conservati dalla Fondazione Romolo Murri di Urbino (PU) e dal Centro Studi Romolo Murri di Gualdo (MC).

In seguito a questa decisione, archivi, biblioteche e emeroteche conservate da Fondazione e Centro studi non potranno più essere a disposizione degli studiosi.

La Regione Marche ha agito senza tenere in alcuna considerazione l’attività trentennale di ricerca, le iniziative culturali svolte, i volumi pubblicati, indifferente al rilievo ottenuto a livello regionale, nazionale e internazionale.

In ragione di ciò, i firmatari di questo appello chiedono ai presidenti, assessori e  consiglieri regionali  o il ripristino della legge abrogata o l’approvazione di un nuovo testo di legge che dell’anteriore raccolga spirito e contenuto a tutela di un patrimonio documentale unico nel suo genere sul territorio della Regione Marche.

(Ringraziamo coloro che vorranno sottoscrivere l’appello indicando nome cognome, istituzione di appartenenza oppure città di residenza inviando una mail con oggetto “Adesione appello” a fondazioneromolomurri@gmail.com)

Ringraziamo tutti coloro che vorranno diffondere l’appello.

Hanno, finora, sottoscritto l’appello:

Alfonso Botti (Università di Modena e Reggio Emilia)

Rocco Cerrato (già Università di Urbino)

Daniela Saresella (Università di Milano)

Daniele Menozzi (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Luigi Alfieri (Università di Urbino)

Ilaria Biagioli (Università di Modena e Reggio Emilia)

Fabrizio Chiappetti (Miur, Senigallia)

Annamaria Massucci (Miur, Gualdo)

Matteo Caponi (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Paolo Giovannini (Università di Camerino)

Gennaro Carotenuto (Università di Macerata)

Vincenzo Lavenia (Università di Macerata)

Alessandro Santagata (Università di Roma Tor Vergata)

Chiara Fantozzi (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Rosa Marisa Borraccini (Università di Macerata)

Daniel Lvovich (Universidad Nacional de General Sarmiento CONICET Buenos Aires)

Giovanni Turbanti (Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII, Bologna)

Rodolfo Abati (Fondazione Opera Santa Rita, Prato)

Giacomo Losito (Archives Maurice Blondel, Université Catholique de Louvain)

Maria Antonia Paiano (Università di Firenze)

Giovanni Vian (Università Ca’ Foscari, Venezia)

Cecilia Novelli (Università di Cagliari)

Giancarlo Monina (Università di Roma Tre)

Raffaele Romanelli (Luiss Guido Carli, Roma)

Simone Neri Serneri (Università di Firenze)

Claudio Venza (Università di Trieste)

Gustavo Corni (Università di Trento)

Marina Tesoro (Università di Pavia)

Agostino Giovagnoli (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Lucia Ceci (Università di Roma Tor Vergata)

Luciano Tosi (Università di Perugia)

Renato Moro (Università di Roma Tre)

Alessandro Gabbianelli (Università di Camerino, sede di Ascoli Piceno)

Giuseppe Battelli (Università di Trieste)

Steven Forti (Università Autonoma di Barcellona e Università Nova di Lisbona)

Luigi Ganapini (Università di Bologna)

Antonella Salomoni (Università della Calabria, Cosenza)

Giuliana Laschi (Università di Bologna)

Fulvio Cammarano (Università di Bologna)

Dora Marucco (Università di Torino)

Barbara Lepidio (Biblioteca Comunale, Cattolica)

Angelo Lo Scalzo (Pollenza, Macerata)

Mirella Renzi (Pollenza, Macerata)

Judith Schepers (Università di Münster)

Chiara Lo Scalzo (blogger, Porto Sant’Elpidio)

Azzurra Tafuro (CIERL, Université Libre de Bruxelles)

Giovanni Cavagnini (Fondazione per le Scienze Religiose, Bologna)

Anna Scarantino (Università di Roma Tre)

Sante Lesti (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Marcello Guardianelli (Segretario nazionale Femca CISL, Roma)

Carmelo Adagio (Dirigente scolastico, Pianoro, Bologna)

Edoardo Bressan (Università di Macerata)

Andrea Miccichè (Università Kore, Enna)

Augusto D’Angelo (Università di Roma Sapienza)

Guido Formigoni (Università IULM, Milano)

Grazia Cotoloni (Ancona)

Catia Sonetti (Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea, Livorno)

Bruna Bocchini (già Università di Firenze)

Marta Margotti (Università di Torino)

Filippo Focardi (Università di Padova)

Andrea Nicolotti (Università di Torino)

Francesco Sportelli (Università della Basilicata, sede di Matera)

Carlo Spagnolo (Università di Bari)

Marco Palla (Università di Firenze)

Raffaella Perin (Università Cattolica del Sacro Cuore, Brescia)

Lorenzo Infante (Università di Foggia)

Osvalda Andrei (Università di Siena)

Federico Ferrari (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Ettore Siniscalchi (giornalista, Roma)

Matteo Al Kalak (Università di Modena e Reggio Emilia)

Paolo Zanini (Università di Milano)

Gianmaria Zamagni (Goethe-Universität Frankfurt am Main)

Nicola Del Corno (Università degli Studi di Milano)

Stefano de Tomasso (Roma)

Andrea Ambrogetti (ricercatore, Roma)

Angelo Ventrone (Università di Macerata)

Ada Campione (Università di Bari)

Enrico Acciai (University of Leeds)

Michelangela Di Giacomo (Venezia)

Francesco Cerrato (Università di Bologna)

Giuliana Di Febo (già Università di Roma Tre)

Giancarla Codrignani (Bologna)

Alessandro Cortesi (ISSR s. Caterina da Siena, Firenze)

Pio Russo Krauss

Feliciano Montero García (Universidad de Alcalá)

Gianni Novelli (giornalista, Comunità di base San Paolo, Roma)

Giuseppe Deiana (presidente Associazione Puecher, Milano)

Gaetano Colantuono (Bari)

Giovanni Gennari (Roma)

Andrea Sarri (docente, Bolzano)

Giuseppina Vitale (Università di Modena e Reggio Emilia)

Claudio Michelotti (per il gruppo Il Concilio Vaticano II davanti a noi, Parma)

Luciano Mazzoni (Parma)

José Ramón Rodríguez Lago (Universidad de Vigo)

Enzo Robles (già Università di Foggia)

Roberta Fossati (già Università di Milano-Bicocca)

Antonio Tedesco (Fondazione Pietro Nenni, Roma)

José-Leonardo Ruiz Sánchez (Universidad de Sevilla)

Juan José Morales Ruiz (Universidad Nacional de Educatión a Distancia, Madrid)

Lorenzo Ferrari (Università di Padova)

Mauro Castagnaro (giornalista, Crema)

Giacomo Pacini (Grosseto)

J. Chiaki Watanabe (Aoyama Gakuin University, Tokyo)

Gianni Pastro (Venezia)

Cristóbal Robles Muñoz (Consejo Superior de Investigaciones Científicas, Madrid)

María Cruz Romeo Mateo (Universitat de Valencia)

Elvio Berardin (Padova)

Comunità Cristiana di Via Caldieri (Napoli)

Denis Pelletier (École Pratiques des Hautes Études, Paris)

Todd Weir (University of Groningen)

Maurilio Guasco (emerito dell’Università del Piemonte Orientale, Alessandria)

Andrea Laquidara (Università di Urbino)

José Sánchez Jiménez (Universidad Complutense, Madrid)

María Pilar Salomón Chéliz (Universidad de Zaragoza)

Fulvio De Giorgi (Università di Modena e Reggio Emilia)

Jacopo Cellini (Firenze)

Roberto Di Stefano (Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas/Universidad Nacional de la Pampa –Argentina)

Antonio Fino (Università del Salento)

Carla Colletta (Agenzia Protezione Ambiente Regione Sicilia, Palermo)

Liliana Billanovich (Università di Padova)

Francesco Maria Cesarini (Emerito dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Francisco José Carmona Fernández (già Universidad de Granada)

Giacomo Demarchi (Università di Milano)

Maria Luisa Tezanos (Madrid)

Luciana Rocchi (Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea)

Concha Langa Nuño (Universidad de Sevilla)

Mireno Berrettini (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Enzo Nisoli (Università di Milano)

Leonida Tedoldi (Università di Verona)

Antonello Famà (Torino)

Maurizio Ridolfi (Università della Tuscia, Viterbo)

Caterina Simiand (Istituto Gaetano Salvemini, Torino)

Marco Brunazzi (Istituto Gaetano Salvemini, Torino)

Angela Mancuso (Regione Toscana, Firenze)

Santiago Navarro de la Fuente (Universidad de Sevilla)

Inmaculada Blasco Herranz (Universidad de La Laguna, Tenerife)

Tommaso Caliò (Università di Roma Tor Vergata)

Francesco Mores (Università di Milano)

Marcella Peruzzi (Coordinatrice Biblioteche area scientifica, Università di Urbino)

Matteo Baragli (Liceo Virgilio, Empoli)

Consulta Universitaria per la Storia del Cristianesimo e delle Chiese, Roma

Francesca Perugi (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

Basilisa López Vega (Catedrática de Geografía e Historia de Secundaria, Murcia)

Alessia Cassani (Università di Padova)

Annalisa Cegna (direttrice Istituto storico di Macerata)

Jordi Figuerola (Universitat Autònoma de Barcelona)

Ursula Vogt (membro Consiglio scientifico Fondazione Carlo e Marise Bo, Urbino)

Emanuela Locci (Università di Torino)

Sylvia Hottinger-Craig (CEHME, Madrid)

Enrica Di Martino (Biblioteca Distretto SSEG, sezione Scienze politiche, Università di Cagliari)

Roberto Ibba (Università di Cagliari)

Enrico Artifoni (Università di Torino)

Salvatore Santuccio (Università di Catania)

Francesco Dei (Scuola Normale Superiore, Pisa)

Rafael Serrano García (Universidad de Valladolid)

Alberto Fuschini (Faenza)

Marcella Baccarini (Comunità di Base, Bologna)

Giovanni Zavaglini (sindaco di Gualdo, MC)

Alessandra Melis (Università di Cagliari)

Giovanni Gianluca Floris (presidente Conservatorio “Pierluigi da Palestrina”, Cagliari)

 

 

immagine appello frm 1

Annunci

Informazioni su Fondazione Romolo Murri

Costituita per iniziativa del rettore Carlo Bo e del professor Lorenzo Bedeschi nel 1989, la Fondazione Romolo Murri è un organismo di diritto pubblico con riconoscimento di personalità giuridica. Non ha fini di lucro ed è finanziata da enti pubblici e privati per attività di ricerca scientifica. Raccoglie e amplia l’attività già intrapresa dal Centro Studi per la Storia del Modernismo dell’Università degli Studi di Urbino (fondato e diretto nel 1972 da Lorenzo Bedeschi) diventando un punto di riferimento storiografico a livello internazionale. L’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo fa parte del cda della fondazione. Il modernismo e antimodernismo nazionale e internazionale prima, il riformismo religioso in età contemporanea poi, sono gli ambiti di ricerca che caratterizzano il lavoro della fondazione. Dall’interesse per il modernismo del primo novecento, la Fondazione ha ampliato le prospettive progettando la costituzione degli archivi dei movimenti di rinnovamento religioso nell’Italia del secondo dopoguerra, dandosi una configurazione che copre le diverse fasi del rinnovamento politico-religioso del XX secolo. Di grande rilievo qualitativo e quantitativo sono gli archivi storici che conserva: l’archivio del pastore protestante e studioso Paul Sabatier, sul quale hanno lavorato, negli anni, i maggiori studiosi di storia religiosa contemporanea, e chiesto in copia dalla Biblioteca Nazionale di Strasburgo; l’archivio di Romolo Murri, dichiarato di alto valore storico dalla Sovrintendenza della Regione Marche, che conserva mezzo secolo di corrispondenza e documentazione dell’attività dell’intellettuale marchigiano, scrittore, giornalista, politico, fondatore, fra l’altro, del primo movimento della Lega democratica e della Democrazia Cristiana. Come di grande ricchezza e rilevanza è l’emeroteca della rivista fiorentina Testimonianze, donata alla fondazione, con oltre seicento testate di riviste specializzate in scienze umane, che non ha potuto trovare ancora una sistemazione, e quindi essere fruibile, per mancanza di spazi. Alla sua morte, il professor Lorenzo Bedeschi ha lasciato il suo archivio personale alla fondazione e all’università. La sua biblioteca, non ancora catalogata, è specializzata nella storia del modernismo. La fondazione cura le collane editoriali, Studi e testi e Ricuperi, presso le Edizioni QuattroVenti, ha pubblicato il bollettino Le Carte, contribuisce alla pubblicazione di studi scientifici presso altre case editrici, pubblica l’edizione critica dei carteggi Romolo Murri, e la rivista storica Fonti e documenti (1972-2005). L’ultima iniziativa editoriale è, dal 2015, la pubblicazione di Modernism. Rivista annuale di storia del riformismo religioso in età contemporanea.